Non è stato possibile recuperare i tuoi dati
Clicca qui per riprovare
50%
Ti rimangono 500 MB di 1 GB
Booking NoiCompriamoAuto Unieuro Amazon Ebay 10eLotto OpenGift Petfood
'I colori dei sentimenti' nel calcio
Una storia d'amore nel calcio e per il calcio
13/12/2018
(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sarebbe facile avere come idolo calcistico Cristiano Ronaldo e Messi, o, tornando indietro nel tempo, Maradona e Platini. O, da tifoso laziale, mostri sacri come Bruno Giordano e Alessandro Nesta. Ma a volte è molto meglio farsi trasportare dai sentimenti e scegliere col cuore: è quello che ha fatto Fabrizio Sapia che, ammette nell'introduzione, è riuscito a scrivere a quattro mani la biografia "del mio idolo sportivo". Angelo Adamo Gregucci, di professione stopper, ha vissuto sulla sua pelle il passaggio dal calcio fatto di marcature a uomo a quello della zona, la stessa che ha iniziato a insegnare diventando allenatore a fine carriera, ora nel team della nazionale. Il racconto della vita di Gregucci è quella di un calciatore nato negli anni '60, cresciuto sui campetti improvvisati in cemento sotto casa a San Giorgio Jonico e diventato protagonista del settennato che portò la Lazio da un campionato di serie B con nove punti di penalizzazione al ritorno in Europa dopo sedici anni di assenza.