Non è stato possibile recuperare i tuoi dati
Clicca qui per riprovare
50%
Ti rimangono 500 MB di 1 GB
Booking NoiCompriamoAuto Unieuro Amazon Ebay 10eLotto OpenGift Facebook
Stop alla produzione del Maggiolino
Fine di un'era per un'auto entrata nella leggenda dell'automobilismo.
12/03/2018

“Caro Volkswagen Maggiolino è stato davvero fantastico, ma il futuro parla di elettrico e di una mobilità condivisa affamata di esigenze diverse. Senza rimpianti, chissà che un giorno tu non possa tornare, magari rivisitato nella meccanica e più ecologicamente corretto. Chissà Maggiolino. Hai fatto sognare intere generazioni, tra cinematografia di stampo “disneyano” ed un desiderio di libertà che ha coinvolto schiere di giovani. Un sogno trasformato in simpatica realtà, anche grazie al tuo volto sempre sorridente e dai fanali tondeggianti. Addio Volkswagen Maggiolino. Noi ti ricorderemo sempre, e attendiamo il tuo ritorno in gomme, motore e lamiera – perché crescere non serve a nulla se poi si smette di sognare”. Quel che avete appena letto è il mio personale saluto ad uno di quei modelli entrati nella leggenda dell’automobilismo – da appassionato di motori prima di tutto. Il Maggiolino, infatti non verrà più prodotto negli stabilimenti messicani di Puebla. Al suo posto – le linee di produzione dell’autobus elettrico del futuro: l’ID Buzz. A rincuorare, solo il fatto che anche il nuovo arrivato omaggi un modello entrato nella storia dell’automobilismo, come il Type 2 Transporter degli Anni ’70. Lo vedremo su strada nel 2021, al massimo nel 2022 – e rivoluzionerà il concetto di mobilità o almeno ne seguirà la tendenza, ambientalmente compatibile.

A confermare l’uscita di scena del mitico “Maggiolo” è stato lo stesso Frank Welsch, del board Volkswagen – che forse con un pizzico di troppo sensato cinismo ha confermato come la Volkswagen più amata di sempre abbia vissuto “sufficienti generazioni” e rinnovamenti – tra la serie della seconda metà degli anni ’90 dello scorso secolo e quella dei primi “Anni ’10” di questo. Non possiamo far altro che prenderne atto, comprendendo le esigenze commerciali alle prese con la nuova sfida ambientale. Con l’augurio che prima o poi – in qualche modo – il Maggiolino possa tornare.