Non è stato possibile recuperare i tuoi dati
Clicca qui per riprovare
50%
Ti rimangono 500 MB di 1 GB
Booking NoiCompriamoAuto Unieuro Amazon Ebay 10eLotto OpenGift Petfood
Honda Motor nuova partner della FIR
L'accordo per il 2019 tra Honda e la Federazione Italiana Rugby è stato siglato in occasione del Sei Nazioni a Roma
11/02/2019

L’accordo, valido per il 2019, è stato siglato allo Stadio Olimpico di Roma dal Presidente della FIR Alfredo Gavazzi e dal Direttore Genarale di Honda Motor Europe Italia Simone Mattogno e vedrà la Casa automobilistica nipponica fregiarsi del titolo di Sponsor Ufficiale della Nazionale Italiana Rugby per l’intera durata dell’accordo.

Honda crede e si riconosce pienamente nei valori condivisi con il Rugby, sport che attrae sempre di più giovani ed appassionati in tutta Italia, promuovendo uno stile di vita sano sia dentro che fuori l’ambito sportivo.

Il Torneo del Sei Nazioni rappresenta la migliore occasione possibile per far apprezzare al vasto pubblico rugbistico il nuovo Honda CR-V Hybrid. Giunto alla sua quinta generazione, il SUV di punta di casa Honda arriva per la prima volta in Europa in versione ibrida. Dotato della nuova tecnologia i-MMD, il CR-V Hybrid è in grado di scegliere autonomamente fra tre modalità di guida – EV, ibrida e motore – coniugando dinamicità, consumi ridotti e livelli di emissioni ai vertici della categoria. Un primo passo verso l’obiettivo di Honda di commercializzare, entro il 2025, oltre il 70% della gamma con propulsori alternativi. L’accordo sancisce inoltre la fornitura di 24 automobili ai dirigenti ed ai tecnici della FIR, i primi ad aver ritirato il proprio mezzo sono stati il Presidente Federale Gavazzi e il CT della Squadra Nazionale Maschile Conor O’Shea, consegna avvenuta nella splendida cornice dello Stadio dei Marmi di Roma.

Nell’anno che porta alla Rugby World Cup giapponese del prossimo settembre – ha dichiarato il Presidente federale – la scelta di una delle aziende più iconiche del panorama industriale del Sol Levante di legarsi alla Federazione Italiana Rugby conferma come il rugby italiano sia positivamente percepito, in campo e fuori, non solo in Italia ma in tutto il mondo”.