Non è stato possibile recuperare i tuoi dati
Clicca qui per riprovare
50%
Ti rimangono 500 MB di 1 GB
Booking NoiCompriamoAuto Unieuro Amazon Ebay 10eLotto OpenGift Petfood
L’auto non riparte: ecco come avviare l’auto a spinta
L’auto non si mette in moto, l’autoradio si spegne, il quadro è impazzito e si accendono tutte le spie.
06/08/2018

Può accadere e forse il problema è la batteria scarica o quasi. Non bisogna farsi prendere dal panico, nella maggior parte dei casi far partire l’auto a spinta è una cosa facile e se la batteria è completamente scarica, è possibile arrivare fino al primo meccanico o elettrauto e cambiarla con una nuova. Ovviamente non è sempre possibile avviare l’auto a spinta. Questa soluzione non funziona quando ci si trova di fronte ad una macchina con il cambio automatico e può essere efficace solo se il veicolo ha il cambio manuale. Non funziona nemmeno in caso di batteria ridotta molto male perché è incapace di fornire una tensione anche minima per far azionare le centraline di bordo. Quindi, se hai il cambio manuale e una cilindrata non troppo grossa, in caso di batteria scarica, puoi spingere la vettura fino a quando non si riavvia, facendo attenzione a non spegnere il motore fino a quando non avrai raggiunto la meta. Come procedere? Innanzitutto, bisogna assicurarsi di non essere da solo, perché se si è al posto di guida per lavorare sul pedale della frizione e sull’acceleratore, necessita almeno un’altra persona che dovrà spingere l’auto da dietro. Fatto ciò si può procedere nel girare la chiave su “On” e tenere premuto il pedale della frizione. Successivamente si ingrana la seconda marcia (se si è in salita mettere la retromarcia). A quel punto si può incominciare a spingere la vettura, fino a quando l’auto non raggiunge la velocità di 5/10 km/h. A questo punto si rilascia la frizione per poi ripremere nuovamente. Così facendo dovrebbe essersi avviato il motore. La cosa importante da questo momento è non spegnere la macchina immediatamente, ma mantenerla in moto per almeno 15 minuti, altrimenti non durerà per un secondo avviamento. In questo lasso di tempo infatti il motore trasferisce potenza meccanica all’alternatore che ricarica la batteria. A questo punto la batteria è stata parzialmente ricaricata per raggiungere in sicurezza l’officina più vicina.