Non è stato possibile recuperare i tuoi dati
Clicca qui per riprovare
50%
Ti rimangono 500 MB di 1 GB
Booking NoiCompriamoAuto Unieuro Amazon Ebay 10eLotto OpenGift Petfood
La prima Morgan Aero GT è stata completata!
Al Motor Show di Ginevra, la Morgan Motor Company ha rivelato il suo modello stradale più estremo ad oggi: la Aero GT, il primo esemplare è stato ora finalmente prodotto.
16/05/2018

La Morgan Motor Company produrrà solo otto esemplari della speciale supercar Aero GT: tutti i veicoli saranno costruiti singolarmente sulle specifiche date dal cliente stesso.  L'Aero GT rappresenta quindi la fine della produzione dell’Aero 8, garantendo ad ogni possessore un pezzo di storia di casa Morgan. Alimentata dallo stesso motore BMW N62 V8 367CV utilizzato nell'Aero 8, l'Aero GT viaggerà da 0 a 100 Km/h in 4,5 secondi, raggiungendo una velocità massima di 273 Km/h. Ogni Aero GT sarà dotata delle sospensioni regolabili di casa Morgan e del cambio esclusivamente manuale. Ogni cliente avrà una consulenza di design individuale con Jon Wells, Morgan's Head of Design, prima che la macchina entri in produzione. Questa, la prima auto completata per un cliente, presenta la tinta Miami Blue che sicuramente non la farà passare inosservata.

I pannelli della carrozzeria della Aero GT sono stati scolpiti in modo tale da garantire linee tese ed eleganti, che mettono a confronto il futuro ed il passato su una sola vettura. È stato grande inoltre il lavoro svolto dai tecnici Morgan in fase di progettazione per far si che anche l’aerodinamica fosse al top. I dettagli del canard anteriore e le prese d'aria della parte superiore delle alette hanno dimostrato di ridurre la bassa pressione sui lati del corpo aerodinamico, facendo una notevole differenza nel carico aerodinamico frontale. Nella parte posteriore, il diffusore riduce la pressione dell'aria da sotto il veicolo, aumentando il carico aerodinamico posteriore e alleggerendone la linea.

I distintivi 'GT' smaltati ne indicano l’esclusiva variante, ognuno è fatto a mano individualmente da un gioielliere inglese. L'interno è rifinito a mano con una serie di cuciture e accenti gessati in contrasto con la pelle nere oltre ad un’ampia scelta di inserti in legno a rifinirne l’abitacolo.